La necropoli di epoca repubblicana in via Goito a Roma

di Oberdan Menghi, Manola Pales e Maura Di Bernardini

Abstract

Durante la posa dell’elettrodotto 150 kV ACEA “Forte Antenne-Quirinale” è stata scoperta presso la Cassa Depositi e Prestiti un’area di necropoli costituita da tre sepolture, tutte violate, individuate a poco meno di m -1 sotto il livello stradale. L’indagine stratigrafica ha rivelato un gruppo di tombe interessante per la rarità di ritrovamenti recenti di contesti funerari arcaici e medio-repubblicani all’interno delle Mura Aureliane; le sepolture sono del tipo a fossa in sarcofago monolitico di tufo del Palatino incassato direttamente nel terreno vergine e rinterro laterale con zeppe di rinfianco; la copertura è costituita da un unico lastrone disposto orizzontalmente.

L’assenza di rapporti fisici fra le tombe e del corredo, probabilmente trafugato in antico o non introdotto ab origine, non consente la datazione delle stesse. La manomissione delle tombe 1 e 2 è stata perpetrata con rispetto, accostando i resti scheletrici ai lati lunghi del sarcofago.

L’area funeraria viene obliterata da un glareato stradale in noduli calcarei. Una seconda glareatio succede alla prima, forse tra la fine del II e la metà del I secolo a.C.
La scoperta ripropone il tema della presenza di sepolture dislocate a gruppi anche molto distanti fra loro lungo i percorsi stradali fuoriuscenti dal perimetro urbano sin dall’età protostorica.
Pur non escludendo un’attribuzione al periodo arcaico, l’assenza d’un livello d’abbandono interposto fra le tombe e la glareatio di I fase, datata dalla ceramica a non prima del II secolo a.C., e la immediata sovrapposizione della stessa ai livelli tombali, suggeriscono una datazione “bassa” della necropoli al periodo medio-repubblicano (IV-II secolo a.C.).

La repentina sovrapposizione della glareatio e la conseguente obliterazione delle tt. 1 e 2 indicano, inoltre, un significativo mutamento dell’assetto giuridico dell’area, che perde, probabilmente nel II secolo a.C., la sua funzione originaria a vantaggio d’un percorso stradale di cui non è attualmente precisabile la direzione (Oberdan Menghi, Manola Pales).

 

La necropoli di epoca repubblicana in via Goito a Romaultima modifica: 2010-08-12T12:16:00+02:00da oberdan2
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La necropoli di epoca repubblicana in via Goito a Roma

  1. io sono una finestra, una finestra per vedere, una finestra per sentire, una finestra che come il cerchio di un pozzo raggiunge nella sua estremità il cuore della terra e si apre alla vastità di questa tenerezza azzurra e ripetuta… una finestra che colma di doni notturni dal profumo di stelle generose le piccole mani della solitudine e da lì si può ospitare il sole alla nostalgia dei gerani….
    Forugh Farrokhzad (poetessa iraniana)

Lascia un commento