Venetico II

Mi coglie il sonno della terra

e con sé mi porta indietro

dove una memoria

non più soltanto umana

unisce momenti diversi

di questa nostra specie.

Chi fosti tu, chi sono stato io

son domande che poniamo

al nostro comune futuro,

se più saremo, se saremo ancora

chi saremo e quando

ancora così non più così

nell’oblio di noi

lasciando o conservando

anche dopo di noi

le cose che furono con noi.

 

F. Rigon, Dimore 

Venetico IIultima modifica: 2008-02-20T00:18:32+01:00da oberdan2
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Venetico II

Lascia un commento